Vita da stambecco / Qualcuno vuole riaprire la caccia

Decenni di monitoraggi in Veglia e Devero hanno fornito dati che indicano una sostanziale stabilità della popolazione di camoscio ed una crescita strabiliante di quella di stambecco (in quarant’anni da pochi individui ai 250 capi di oggi). All’alpe Devero la situazione si è stabilizzata da alcuni anni e dal 2017 si assiste a un lieve calo, ma sembra che oramai si sia stabilizzata la crescita in tutto il parco. La condizione di tutela assoluta ha permesso un sicuro e stabile ripopolamento dello stambecco sulle Alpi. Tanto che i cacciatori, in un recente convegno a Macugnaga, ne chiedono la riapertura della caccia. Mah!

Leggi tutto

Stambecco, un’associazione per monitorarlo e proteggerlo

L’associazione, precisa un comunicato del Parco, ha come finalità il monitoraggio, la conservazione e la diffusione delle conoscenze riguardanti lo stambecco su tutti i distretti alpini italiani interessati dalla sua presenza.
..

Leggi tutto