Transizione energetica. Lo “stoccaggio elettrico”

La Svizzera e le sue centrali idroelettriche possono fornire un impulso decisivo alla transizione energetica europea. Lo si legge nella newsletter Swissinfo. Una buona occasione per approfondire un tema di grandissima attualità. L’acqua accumulata nel lago di Vieux Emosson è riversata a valle per la produzione di elettricità durante le ore di punta. Dal bacino inferiore, il lago di Emosson situato circa 300 metri più in basso, l’acqua viene nuovamente pompata a monte e accumulata nei momenti di sovrapproduzione energetica.

Leggi tutto

Giornate mediche a Macugnaga / Gli interventi in ambiente impervio

A Macugnaga fervono gli ultimi preparativi per l’apertura delle giornate dedicate al “Soccorso in Ambiente Impervio – SAI 2021”. La tre giorni, dal 17 al 19 settembre, è organizzata dal Soccorso Alpino e Speleologico Piemonte – CNSAS in collaborazione con la Scuola Nazionale Medica (SNaMed) del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico – CNSAS. Si tratta di un evento formativo rivolto a tutto il personale sanitario (medici e infermieri) che riconoscerà 22 crediti ECM.

Leggi tutto

Il fungo allucinogeno che può uccidere

La tossicità dell’Amanita muscaria, a onor del vero, non è tra le più pericolose del grande regno dei funghi, ma il suo effetto allucinogeno ha reso piuttosto popolare questo fungo ed espone a gravi rischi chi ne fa dissennatamente uso. Lo dimostra il caso di due turisti che al passo del Pordoi dopo aver assaggiato Amanite muscarie essicate che si erano portati da casa si sono sentiti male e uno di loro è stato ricoverato in gravi condizioni al Santa Chiara di Trento. 

Leggi tutto

Valli di Lanzo / Effetti del fulmine sul campanile

Esce il 149° volume della Collana editoriale della Società Storica delle Valli di Lanzo: “Anton Maria Vassalli-Eandi a Corio, luglio 1788. Relazione degli effetti prodotti dal fulmine caduto sopra il campanile della chiesa parrocchiale”. Il libro di 96 pagine, con 42 illustrazioni viene presentato a Corio (Torino) sabato 4 settembre..

Leggi tutto

Post CoVid-19 / Come gestire il ritorno in alta quota

Particolare attenzione va posta per coloro che si sono ammalati di CoVid-19 e vogliono riprendere un’attività in alta quota, in particolare sull’Aconcagua, sul Denali e sull’Everest. A cura del dottor Giancelso Agazzi, pubblichiamo alcune raccomandazioni desunte dai dati finora raccolti e dalla letteratura scientifica sull’argomento.

Leggi tutto

Intossicati dal piombo / La strage silenziosa dei rapaci

Uno studio durato oltre dieci anni e condotto da Ersaf-Direzione del Parco Nazionale dello Stelvio e dalla Provincia di Sondrio rivela che l’avvelenamento cronico e acuto da piombo sta provocando una “strage silenziosa di aquile reali e avvoltoi”. Il piombo viene ingerito dai rapaci che si cibano delle carni di animali colpiti dai cacciatori e che non vengono recuperati o delle viscere di ungulati lasciate sul luogo di caccia.

Leggi tutto

Longevi, indomabili. I segreti dei Berberi di montagna

Anche i Berberi, come gli Hunza in Himalaya, sono popoli che si nutrono principalmente di cereali. Tutte le grandi civiltà sono state del resto create da popoli sedentari la cui alimentazione era a base di cereali: il riso in Estremo Oriente, il grano e l’orzo nel bacino del Mediterraneo, il granturco sul continente americano, la segale, il saraceno, il farro nelle terre povere d’Europa, l’avena in varie regioni dell’Europa del nord…

Leggi tutto

Media / L’incomunicabilità delle aree interne

“L’informazione regionale è importantissima”, annota il presidente dell’Uncem in una lettera alla Rai, “per i territori e per gli Enti locali. È vero servizio pubblico che differenzia la Rai da altre aziende e crediamo che il Tgr possa essere esteso nei tempi, almeno nelle due edizioni delle 14 e delle 19,30. Come in alcune Regioni italiane, il tempo del Tgr è raddoppiabile, con maggior numero di servizi, approfondimenti, inchieste, analisi dei territori”. Occorre tuttavia tenere presente che non sarebbe male se la Commissione lavori pubblici del Senato desse un contributo ad alleviare la crisi del giornalismo nazionale con una sistemata al settore dei mass media elettronici locali.

Leggi tutto

Inverni nevosi, estati fresche. Così i ghiacciai si salvano

Sul ghiacciaio Presena, nel Trentino, le misurazioni sull’accumulo della neve di questo inverno non sono considerate soddisfacenti. L’arretramento di tutti i ghiacciai alpini sembra più che mai irreversibile. “Per invertire la tendenza”, spiega il glaciologo Casarotto, “bisogna dare tempo alla neve di trasformarsi in ghiaccio e dopo quattro-cinque anni, dare tempo al ghiacciaio di spostarsi da monte verso valle. Ecco perché è importante un trend continuo di inverni nevosi ed estati fresche”.

Leggi tutto

Himalaya a rischio. L’intervento della Svizzera

Le zone di confine della regione himalayana rischiano inondazioni dovute al collasso di laghi di origine glaciale (Glacial Lake Outburst Flooding, o GLOF). Ne dà notizia l’agenzia Swissinfo.ch il 26 giugno 2021 non senza ricordare che cinque anni fa un disastro naturale colpì l’Himalaya cinese: gli argini del lago glaciale Gongbatongshaco, in Tibet, si ruppero il 5 luglio 2016 riversando grandi quantità di acqua gelata dalla montagna. La valanga d’acqua attraversò il confine con il Nepal, distruggendo la centrale idroelettrica Bhotekoshi e allagando l’autostrada Cina-Nepal.

Leggi tutto

Orsi, linee guida per l’abbattimento

La giunta provinciale del Trentino ha varato le linee guida della gestione dell’orso, approvando una delibera a firma del presidente della Provincia Maurizio Fugatti. Nel documento di oltre 50 pagine viene analizzato il contesto italiano ed europeo, con le diverse normative, e ripercorso il progetto di reintroduzione dell’orso nella provincia. L’aspetto più controverso riguarda la gestione degli esemplari più problematici. L’analisi prevede 18 atteggiamenti con differenti gradi di pericolosità.

Leggi tutto

Il capriolo, come noi, va in cerca di frescura

Con i cambiamenti climatici i caprioli decideranno di trasferirsi più in quota. Un po’ come i bipedi terrestri, quelli che se lo possono permettere e sono stufi di sbuffare nelle torride città… Lo dicono le ricerche condotte dalla Fondazione Edmund Mach di Mezzocorona (Trento) che dal 2008 continua gli scopi e l’attività dell’Istituto agrario di San Michele all’Adige, fondato nel 1874.

Leggi tutto

New Mexico University / Conferenza virtuale sulle emergenze

Dal 30 aprile al 2 maggio 2021 si è svolta una conferenza virtuale organizzata dalla New Mexico University sulle emergenze in montagna con la partecipazione di un team di specialisti statunitensi. Ne riferisce il dottor Giancelso Agazzi della Commissione medica del Club Alpino Italiano. Hanno presentato e moderato l’incontro Darryl Macias e Jason Williams, entrambi appartenenti all’International Mountain Medicine Center dell’Università del New Mexico. Ecco in sintesi le relazioni.

Leggi tutto

Clima, pandemia, affollamento: quale futuro per il soccorso

In un webinar si è discusso il 24 maggio 2021 della possibilità che cambiamenti climatici e maggiore frequentazione della montagna modifichino la percezione dei rischi a cui espongono le escursioni. Su questi e altri importanti argomenti si sono espressi diversi specialisti in medicina di emergenza in montagna. Ne riferisce qui il dottor Giancelso Agazzi della Commissione medica del Cai che ha seguito i lavori.

Leggi tutto

Medicina. Incontri sgraditi, ecco come evitarli (2)

Si conclude con questa seconda puntata il report del dottor Giancelso Agazzi sul convegno di medicina di montagna svoltosi al recente Trento Film Festival su un argomento di grande attualità in vista delle vacanze estive: come proteggersi dalla fauna non sempre pacifica in cui è possibile imbattersi durante un’escursione.

Leggi tutto

Medicina. Incontri sgraditi, ecco come evitarli (1)

Al Trento Film Festival si è discusso su come proteggersi dalla fauna non sempre pacifica in cui è possibile imbattersi durante un’escursione. L’argomento è di attualità per gli escursionisti in vista delle vacanze estive. Il convegno, svoltosi domenica 2 maggio 2021, era significativamente intitolato “La medicina di montagna incontra la fauna selvatica, dal più grande al piccolissimo: trovare l’equilibrio per una sana convivenza”. Ne riferisce il dottor Giancelso Agazzi della Commissione Medica del Cai.

Leggi tutto

Alla ricerca della (rara) farfalla dei ghiacciai

La farfalla più rara d’Europa si trova sui monti della Val d’Ossola. Dif­ficilissimo vederla, ma esiste. È una specie unica al mondo e si è spe­cializzata in migliaia di anni a vivere sulle alte montagne. Si chiama Erebia christi: è la “farfalla dei ghiacciai”.

Leggi tutto

Terapia forestale: ricerche scientifiche e prospettive

Terapia forestale: curarsi con il potere degli alberi. Su questo nuovo (almeno per noi occidentali) approccio terapeutico proveniente dal Giappone il Cai di Bergamo ha organizzato una videoconferenza. L’intenzione, stando a quanto riferisce il dottor Giancelso Agazzi che riporta anche alcuni passaggi significativi del libro pubblicato in proposito (“Terapia forestale” a cura di Francesco Meneguzzo e Federica Zabini, Club Alpino Italiano e Consiglio Nazionale delle Ricerche), è di fare inserire la TF nel Sistema Sanitario Nazionale, come già accade in altre nazioni (Polonia, Ungheria, Germania, Inghilterra, Giappone, Taiwan, Cina, Corea del Sud, Australia), dove il medico di medicina generale può prescrivere la TF.

Leggi tutto

Letture. I diritti delle piante

Autore del best seller “La Nazione delle Piante”, il botanico Stefano Mancuso ha elaborato insieme con PNAT – società multidisciplinare di ricercatori, biologi, designer, ingegneri e architetti – un progetto denominato “La Fabbrica dell’Aria” ©. Il dato di partenza è il seguente: nella cosiddetta biomassa – cioè la massa di tutto ciò che vive – la percentuale di esseri umani è pari allo 0,3%. Quella delle piante è dell’85%.

Leggi tutto

Medicina. La gestione dei travolti da valanga

Il 13 gennaio 2021 si è svolto un webinar organizzato dal GRIMM (Group d’Intervention Médicale en Montagne) di Sion durante il quale è stato analizzato il modo con cui si deve affrontare la gestione dei travolti da valanga in arresto cardio-circolatorio. Sono stati esaminati 50 interventi di soccorso in valanga verificatisi tra il 1° gennaio 2004 e il 1° giugno 2016. Ne riferisce il dottor Giancelso Agazzi della Commissione medica del Club Alpino Italiano.

Leggi tutto