Movimento Lento / Come orientarsi sui sentieri

Un bel weekend in cui staccare la spina e magari trovare se stessi, oltre che la retta via. A proporlo è stata la Scuola del Movimento Lento ai piedi delle Alpi piemontesi, lungo il Cammino di Oropa, presso il Santuario di Graglia.

Leggi tutto

Longoni ospita Della Bordella, vincitore del premio SAT

Il negozio DF Sport Specialist di Brescia ospita la serata “A tu per tu con i grandi dello sport” con Matteo Della Bordella, alpinista, arrampicatore ed esploratore, recente vincitore a Trento del Premio SAT.

Leggi tutto

Progetto Swat / Le iscrizioni ai trekking d’avventura 

L’Asian Desk di Mountain Wilderness International propone una serie di trekking d’avventura nell’alto Swat, in Pakistan, organizzati in collaborazione con Ismeo (Associazione internazionale di studi sul Mediterraneo e l’Oriente) e il Club Alpino Accademico Italiano (Caai). Qui il bando completo dell’iniziativa.

Leggi tutto

Inarrestabile Hervé / Dal Nanga al trimarano di Soldini

Appena tornato dal Nanga Parbat che lo ha respinto con i suoi venti implacabili, Hervé Barmasse si è messo a caccia di nuove sfide sportive accettando l’invito di Giovanni Soldini e del Team di Maserati Multi 70, il multiscafo su cui si è imbarcato che ora sta mollando gli ormeggi da Antigua per puntare su La Spezia lungo una rotta di quattromila miglia.

Leggi tutto

“Ragni” da epopea / Patagonia 2022, i due report 

Come si apprende dal comunicato del 18 febbraio 2022 diramato dall’ufficio stampa dei Ragni, la stagione patagonica che si è appena conclusa è stata una delle più memorabili nella storia dei celebri maglioni rossi, segnata da momenti esaltanti, nonché, purtroppo, da vicende terribili. Nelle passate settimane i media hanno dato ampiamente notizia di ciò che è accaduto sul Cerro Torre, riferendo sia del terribile incidente di cui sono state vittime Thomas Aguilo “Tomy” e Corrado Pesce “Korra”, sia delle nuove vie aperte. Qui viene offerta una visione complessiva e dettagliata della spedizione nei due report stilati dagli stessi alpinisti.

Leggi tutto

Il jet stream non dà tregua. E Barmasse rinuncia al Nanga

Hervé Barmasse ha rinunciato alla scalata della parete Rupal al Nanga Parbat mandandoci dal campo base un ameno filmato in cui narra la vita non del tutto ingrata di un alpinista che in attesa di sferrare l’attacco se la passa con libri, musica e mirto. E, insomma, che trova il modo di divertirsi anche se è chiaro che la montagna non è un luogo fatto su misura per l’uomo… 

Leggi tutto

Progetto Swat, un Pakistan da scoprire

Mountain Wilderness International, con il sostegno del governo del Pakistan e dell’Agenzia italiana per la cooperazione, ha in programma di inviare nel 2022 nelle montagne dello Swat un gruppo di alpinisti per portare a termine il rilevamento di tutti i potenziali sentieri escursionistici, ma anche per scalare le principali vette lungo nuovi percorsi impegnativi. 

Leggi tutto

“Wilderness medicine” / Esperienze e strategie a confronto

A Romano da Ezzelino in provincia di Vicenza si sono svolte in novembre le “Giornate di aggiornamento su argomenti di “Expedition and Widerness Medicine” (spedizioni e medicina in ambienti estremi). Il focus riguardava problemi legati anche a imprese diverse da quelle alpine, che, inizialmente, avevano come scopo l’esplorazione, le scoperte scientifiche, la colonizzazione, l’acquisizione di ricchezze. Ne riferisce il dottor Giancelso Agazzi.

Leggi tutto

Temporali formativi ed escursioni esperenziali

Non è un dramma se sul più bello si mette a piovere e la terra sprigiona i suoi aromi. Al contrario… Di questo parere è anche Michele Comi, provetta guida alpina malenca e “facilitatore d’esperienze in montagna”, che in Facebook raccomanda in caso di pioggia “di essere bene equipaggiati, in grado di riconoscere le reali situazioni di pericolo: perché alla fine è acqua che cade dal cielo, mica acido solforico, che diamine!”. 

Leggi tutto

Letture / Alla scoperta della “Sacred Mountain”

Diario di una spedizione del 1935 alla montagna sacra del Kailash o Kailasa nel Tibet occidentale, torna nelle librerie “Santi e briganti nel Tibet ignoto” di Giuseppe Tucci (Hoepli, 205 pagine ristampate anastaticamente, 29,90 euro).

Leggi tutto

Letture / Claire, miracoloso salvataggio nel deserto

Un trekking in solitaria nel deserto, una caduta accidentale, una frattura, nessun collegamento con il mondo esterno… Con la sua testimonianza Claire Nelson si è guadagnata le prime pagine dei giornali di tutto il mondo. Ora la sua tremenda avventura la racconta nel libro fresco di stampa “Le cose che ho imparato cadendo” (Corbaccio, 269 pagine, 18 euro).

Leggi tutto

McKinley all’inchiostro di china

Si celebra nel 2021 il 60° anniversario della prima salita del Mount McKinley (6178 m, Alaska) compiuta dalla Spedizione “Città di Lecco – Alaska ‘61” guidata da Riccardo Cassin e composta da Luigino Airoldi, Gigi Alippi, Jack Canali, Romano Perego e Annibale Zucchi. La celebrazione dell’importante scalata può essere anche un buon motivo per ricordare Achille Patitucci (1903-1967), illustratore e giornalista, che attraverso le pagine del Corriere della Sera e della Domenica del Corriere contribuì in quegli anni a divulgare le conquiste compiute dagli alpinisti italiani, compreso il McKinley illustrato nella tavola che MountCity è lieto qui di riproporre.

Leggi tutto

Madinelli, il senso dell’avventura

Giorgio Madinelli è l’autore del primo libro di “greppismo”, il manifesto di un modo di andare in montagna “che valorizza la crescita personale bandendo le situazioni artificiali”. Lo presenta Vittorino Mason, suo compagno d’avventure, autore anche delle immagini che pubblichiamo.

Leggi tutto

Souvenir del conte Bonzi, scopritore della Groenlandia

La Groenlandia sarà al centro dell’attenzione del prossimo TrentoFilmfestival anche per le rarissime fotografie scattate nel 1934 da Leonardo Bonzi nel corso della prima spedizione italiana in Groenlandia. Un’occasione per riscoprire un personaggio ingiustamente dimenticato, all’epoca socio accademico del Club Alpino Italiano.

Leggi tutto

Marte nei sogni alpinistici di Bepo “mani da strapiombo”

L’ammartaggio effettuato dal veicolo spaziale della Nasa sul pianeta rosso rimetterebbe oggi le ali, se ancora fosse al mondo, ai sogni spaziali di un grande alpinista del passato, il bellunese Bepi (o Bepo) De Francesch (1924-1997) detto “mani da strapiombo”, un campione del sesto grado. Nell’altro millennio fu Bepo a rivolgersi alla Nasa per prenotare almeno una scalata “spaziale”. Una richiesta che sottintendeva un’opinione oggi generalizzata: sulla Terra rimane ben poco di interessante da fare…

Leggi tutto

Nuovi orizzonti. Trek e spedizioni in podcast

Nel settore dei trekking e dei viaggi è on demand una serie di podcast che riscuotono un significativo interesse. Riguardano 25 anni di sentieri percorsi in tutto il mondo che hanno segnato indelebilmente la vita di Daniele Tonani, milanese, 46 anni, tanto da rendere la sua passione per il cammino una professione: quella di organizzatore di trek e spedizioni al di fuori dell’Europa.

Leggi tutto

DoloMitici. Cino degli spiriti, inventore dell’alpinismo invernale

La figura di intellettuale, ricercatore e uomo d’avventure di Cino Boccazzi viene opportunamente rievocata nell’autunno del 2020 nel periodico Lo Zaino, organo degli Istruttori lombardi di alpinismo del Cai. Un modo per mantenerne vivo il ricordo, anche se questo compito venne egregiamente assunto nel 1998, undici anni prima della sua scomparsa, da Bepi Pellegrinon che con una certa fatica lo indusse a raccontarsi nel libro “Il nomade delle rocce”. A Boccazzi si deve la nascita della scuola di alpinismo invernale nelle Dolomiti dedicata a Emilio Comici.

Leggi tutto

L’odissea tra i ghiacci di Luigino Airoldi

Risale a cinquant’anni fa l’incredibile avventura del lecchese Luigino Airoldi, “naufrago” fra i ghiacciai dell’Alaska e portato in salvo per puro caso dal pilota di un aereo da turismo. A ricordarla sul quotidiano Il Giorno del 7 novembre 2020 è Federico Magni.

Leggi tutto

Letture. Torna sugli scaffali il capolavoro di Diemberger

La riedizione di “Tra zero e ottomila”(apparso per la prima volta nel 1970 per Zanichelli), nono titolo della collana ”Stelle alpine” di Ulrico Hoepli Editore diretta da Marco Albino Ferrari, è uno dei migliori regali che l’editoria di montagna, risvegliatasi dal lockdown, abbia fatto agli appassionati.

Leggi tutto

L’incredibile viaggio di François

Il 28 marzo 1869 François William Clement Trafford sale sul Monte Castellana, che domina La Spezia dal lato di ponente, e assiste a un fenomeno mai visto prima, che lo segnerà per il resto dei suoi giorni: una sorta di viaggio iniziatico ai ‘mysteria mundi’.

Leggi tutto

Anelli. Con Perilli tra Cridola e Monfalconi

Denis Perilli, scrittore e naturalista, è uno dei più prolifici autori di guide delle Dolomiti. Ora ci conduce in un appassionante percorso ad anello (che è possibile scaricare in “Fatti di Montagna”) alla scoperta delle Dolomiti Friulane, poste al confine fra il Veneto (Cadore) e il Friuli Venezia Giulia. Un mondo a sé, un concentrato di bellezza e di wilderness.

Leggi tutto

Letture. La “visione verticale” di Gogna

“Visione verticale. La grande avventura dell’alpinismo” che in questi giorni Laterza manda sugli scaffali (228 pagine, 18 euro) è una rilettura molto personale della storia da parte di uno dei più grandi alpinisti di tutti tempi.

Leggi tutto

Brissago-Dufour a tempo di record

Andreas Steindl, giovane guida alpina di Zermatt, ha compiuto un nuovo exploit raggiungendo la vetta più alta della Svizzera partendo dal punto più basso della Confederazione.

Leggi tutto

Letture. Superdonne a prova di “whiteout”

Tre donne fornite di coraggio, audacia, speranza. I loro nomi: Anna Torretta, Eleonora Delnevo e Dorota Bankowska. Sono le autrici di “Whiteout” (148 pagine, 19,90 euro) appena pubblicato da Ulrico Hoepli Editore. Un libro forse imperdibile.

Leggi tutto

Anelli. Con Michieli sulla Via dei Silter

“Il percorso della Via del Silter, che si sviluppa nel Bresciano, pur essendo nato nell’ottica di essere facilmente percorribile da tutti, è ancora una realtà in divenire e in perfezionamento”. Lo spiega Franco Michieli che fra il 2013 e il 2014 ne è stato l’ideatore insieme con Davide Sapienza. Finora da parte della Regione Lombardia e delle Amministrazioni comunali del territorio non è stato infatti possibile mantenere l’impegno di farne la Terra promessa del trekking aperta davvero a tutti i camminatori.

Leggi tutto