Legge di bilancio / I soldi pubblici per la neve artificiale

La legge di bilancio pubblicata in Gazzetta Ufficiale (legge n. 197 del 2022 recante il “Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2023 e bilancio pluriennale per il triennio 2023-2025”) istituisce un “Fondo, con una dotazione di 30 milioni di euro per l’anno 2023, di 50 milioni di euro per l’anno 2024, di 70 milioni di euro per l’anno 2025 e di 50 milioni di euro per l’anno 2026, da destinare alle imprese esercenti impianti di risalita a fune e di innevamento artificiale”. In piena crisi climatica ed energetica i soldi pubblici vengono spesi per mantenere in piedi un moribondo, un’industria senza futuro con una previsione di spesa che nel prossimo quadriennio arriva a 200 milioni di euro.

(dal notiziario on line di Mountain Wilderness)

La fabbrica del freddo

Ogni anno per sciare sulle Alpi consumiamo l’acqua e l’energia di una grande città. Così la fabbrica del freddo riscalda il pianeta. Di Mario Tozzi. Copyright: La Stampa

Un pensiero riguardo “Legge di bilancio / I soldi pubblici per la neve artificiale

  • 20/01/2023 in 13:39
    Permalink

    Queste notizie, caro Roberto, MI FANNO IMBESTIALIRE. Possibile che non c’è un parlamentare che faccia una interrogazione in parlamento per questi soldi buttati, e che fanno divertire solo pochi cittadini? NESSUNO SI VERGOGNA, COMUNE – PROVINCIA – REGIONE. MA LE OTTANTA ASSOCIAZIONI AMBIENTALISTE, COSA FANNO? Nessuno si incatena, tutti contenti per far divertire i pochissimi cittadini che si possono permettere di raggiungere le località montane, pagare gli impianti di risalita, acquistare sci ed abbigliamento, oltre al mangiare. CHE NAZIONE SCHIFOSA E PIENA DI CORROTTI E’ QUESTA ITALIA.

    Risposta

Commenta la notizia.