Museoscienza / Il senso dei ghiacciai lombardi

Un punto di non ritorno per i ghiacciai lombardi? Probabilmente. Ma la situazione, purtroppo, è simile in tutto il mondo. E gli esperti, dal canto loro, avvertono: “Gli inverni miti saranno la normalità, bisognerà abituarsi”. Ad accendere i riflettori su tale sconvolto scenario è dalle ore 9 di sabato 28 gennaio a Milano il Museo della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci in via San Vittore 21 con il convegno “Il senso dei ghiacciai” organizzato dal Servizio Glaciologico Lombardo, nel 30° anniversario di fondazione. Le iscrizioni sono gratuite. L’incontro viene presentato come una riflessione su cambiamenti climatici e comunicazione attraverso una tavola rotonda condotta da Jacopo Pasotti, giornalista e comunicatore scientifico, per sottolineare l’importanza di un approccio non ideologico alla tematica.

“Si focalizzerà l’attenzione”, è scritto nella locandina, “sull’attualità del ruolo dell’operatore glaciologico e naturalistico e sulle modalità per fornire una puntuale informativa all’opinione pubblica”. 

Vale la pena di ricordare che da una trentina d’anni l’informativa di cui si parla viene puntualmente fornita alla comunità dagli aderenti al Servizio Glaciologico Lombardo come risulta dal bellissimo volume “I ghiacciai della Lombardia. Evoluzione e attualità” pubblicato da Hoepli nel 2012. ”Come accade un po’ ovunque”, si legge nei risvolti di copertina, “anche per i ghiacciai lombardi è in corso un rapido adattamento a condizioni climatiche che sempre più negative ne mettono a repentaglio la stessa sopravvivenza”. Il volume offre un dettagliato quadro della situazione dando conto dei più significativi cambiamenti avvenuti sui 2033 ghiacciai che compongono il patrimonio glaciale della regione.

Il Servizio Glaciologico Lombardo nasce nel 1992 dall’esigenza di coordinare il lavoro svolto da un gruppo di operatori glaciologici attivi già da tempo nella regione. L’associazione conta una cinquantina di soci. Oltre trecento operatori hanno contribuito alla creazione di un vasto archivio fotografico unito a un cospicuo patrimonio di immagini storiche.

Commenta la notizia.