La neve adesso scende dall’elicottero

Manca la neve? Meglio farla scendere dall’elicottero. Questa la strategia adottata nell’Oberland Bernese. L’esperimento riguarda la pista di collegamento tra Zweisimmen e Saanenmöser, nel comprensorio di Gstaad. Peccato che l’incessante balletto abbia provocato un’ondata di critiche come riporta il media online “Hauptstadt”. “Questo tentativo non ha funzionato”, ha ammesso il CEO Matthias In-Albon. “La quantità di neve trasportabile per ogni volo era piuttosto esigua e il carico e lo scarico troppo complicati”. 

Ora la neve viene spostata di nuovo con i battipista. Ciò non toglie che a causa della scarsità della “bianca visitatrice” la metà degli impianti di risalita svizzeri risultino fermi a quanto si è appreso dal Bollettino neve pubblicato da Svizzera Turismo relativo a 221 stazioni.

L’associazione delle Funivie Svizzere rimane comunque fiduciosa. La stagione è appena iniziata e l’inverno è ancora lungo. Svizzera Turismo è dello stesso parere: gli ultimi anni hanno dimostrato che la neve cade sempre più tardi e il cosiddetto disgelo natalizio (“Weihnachtstauwetter”) potrebbe diventare la regola. Svizzera Turismo non nutre poi dubbi: a metà marzo-inizio aprile nei principali comprensori sciistici si registrano di norma “condizioni ideali per le piste”. Che fretta c’è? (Ser)

Commenta la notizia.