Letture / Zappelli, un grande fra Apuane e Monte Bianco

Scorrendo le pagine del libro fresco di stampa “Cosimo Zappelli, montagne di emozioni” (Universo Edizioni, 2022) di Ada Bonazzi, si scopre come un viareggino (Zappelli nella fattispecie) sia riuscito sorprendentemente a salire le più alte montagne d’Europa e del mondo e a coprirsi di gloria nel Gotha dell’alpinismo internazionale del tempo. Attraverso varie testimonianze l’autrice ricostruisce la vita e le imprese di Zappelli che scalò inizialmente nelle Alpi Apuane, per passare poi sulle grandi montagne ove con Bonatti, Bertone e altri espertissimi amici aprirà nuove vie concupite dai più forti alpinisti dell’epoca.

La carriera di Zappelli a quanto risulta dal libro è stata di alto livello e sempre vissuta senza esibizionismo. Guida Alpina di Courmayeur e maestro di sci, esplorò e scalò con i suoi clienti vette sulle Alpi, Africa, Alaska, Ande, Cina, Caucaso e Himalaya. Entrando così con molti meriti nella storia dell’alpinismo.

Nato a Viareggio nel 1934, Zappelli si trasferì a Courmayeur nel 1961, attratto dalle vette del Bianco. Dopo avere lavorato come infermiere accanto al dottor Pietro Bassi, divenne Guida alpina e compì varie imprese alpinistiche, tra cui la prima invernale dello Sperone Walker. Fu anche presidente della Società delle guide di Courmayeur. Morì il 7 settembre 1990 durante una scalata sul Pic Gamba. Suo figlio Marco è a sua volta diventato una rinomata guida alpina di Courmayeur.

E’ con Zappelli che nel ’62 Walter Bonatti si dedicò alla problematica parete nord del grande Pilier d’Angle sulla Brenva. Nell’inverno del ’63 la cordata Bonatti-Zappelli vinse anche la parete nord delle Grand Jorasses, l’ultima grande nord ancora da superare in invernale. E si potrebbe continuare a lungo nell’elencare le sue benemerenze alpinistiche.

Ada Brunazzi, autrice del volume biografico su Zappelli, è nata a Torino nel 1970. E’ laureata in Lettere Moderne all’Università degli Studi di Torino e lavora nell’agenzia di pubblicità e comunicazione Brunazzi&Associati come marketing manager. Appassionata di natura e sport di montagna, pratica l’alpinismo da diversi anni. Ha scalato parecchie cime di oltre 4.000 metri nelle Alpi e cime tra i 5.000 e i 6.300 metri nelle Ande. Un curriculum di prim’ordine.

L’autrice Ada Brunazzi presenta il volume su Zappelli a La Salle (AO) sabato 7 gennaio 2023, alle ore 20,30. L’incontro si tiene nella sala del Consiglio della suggestiva Maison Gerbollier, in via Col Serena. Modera l’incontro il giornalista Enrico Martinet.

Commenta la notizia.