Infernali monopattini / Così i marciapiedi sono a rischio

La sindrome tecnologica, la presunzione della bravura spingono i giovani in monopattino a esibirsi in caroselli sui marciapiedi cittadini. Che diventano sempre più impraticabili per il pericolo a cui ci si espone camminando. Soluzioni? Occorrerebbe essere più severi con chi sul monopattino o altre diavolerie elettrificate espone i passanti e ancor più le persone anziane al pericolo. Occorrerebbe che lo fossero gli addetti alla polizia locale ammesso pure che a Milano ne esistesse ancora qualcuno. Occorrerebbe che una campagna cercasse finalmente di porre fine all’avanzata di questa micromobilità priva di regole e di etica.

Chi scrive è finito all’ospedale per trauma cranico essendosi inciampato in un monopattino parcheggiato per traverso sul marciapiede in modo “creativo”. Poteva andare peggio visto che il malcapitato è rimasto esanime per parecchio tempo, disteso a pancia in giù sul marciapiede. In questo sito apparve la sua faccia tumefatta. Fu un chiaro invito a prendere coscienza dell’impossibile convivenza tra monopattini e pedoni, a comportarsi in maniera civile e rispettosa del prossimo quando si usano questi infernali veicoli a due ruote.

L’occasione per rivangare è offerta da una notizia letta sul quotidiano L’Adige del 27 settembre da cui è tratta la foto qui pubplicata. Due ragazzi in monopattino si scontrano e rovinano a terra finendo contro un uomo di settantasette anni che finisce a sua volta a terra. I due fuggono da quegli incivili che sono e sulle loro tracce si mette, meno male, la polizia locale. Nessuno dei due assiste l’uomo travolto, ci mancherebbe. Non appena sentono alcuni dei passanti che intervengono per chiamare il 112, pensano bene pavidamente di allontanarsi.

L’uomo riporta la frattura del femore e chissà mai quando potrà ancora camminare. A terra, dolorante, è assistito dalla moglie e da un’infermiera di passaggio che si è subito prodigata. Tocca ripeterlo. Non solo Milano è diventata più invivibile da quando l’indisciplina corre sui monopattini elettrici. Che per fortuna non sono utilizzabili su sentieri e mulattiere di montagna nelle gite fuori porta, anche se qualche sciagurato ci prova. Almeno lassù gli anziani ancora in vena di escursioni vorrebbero sentirsi tranquilli. (Ser)

Commenta la notizia.