Hainz junior in free solo sulla via del padre

In free solo su una parte del Catinaccio, Jonas Hainz ha ripetuto la via lunga 400 metri aperta dal padre Christoph 20 anni fa. Era il 14 settembre 2002 quando gli altoatesini Chirstoph Hainz e Oswald Celva aprirono la via “Moulin Rouge” sulla Croda Rossa, una famosa parete del Catinaccio. Jonas, il figlio di Christoph, ha ripetuto l’impresa in solitaria, senza corda. Il padre non ha dubbi: “Si tratta di una pietra miliare per il free solo sulle Dolomiti”. 

Prima dell’impresa, Christoph (60 anni) e Jonas (25 anni) hanno percorso la “Moulin Rouge” una volta assieme, poi Jonas è salito da solo, lasciando la corda nello zaino ai piedi della parete. Dopo un’ora e 5 minuti era in vetta. L’impresa è stata immortalata con il drone e con una telecamerina sul casco. Le riprese sono state pubblicate sul canale You Tube di Jonas Hainz e in questi giorni rilanciate dal quotidiano L’Adige.

Christoph Hainz impegnato sulle Lavaredo. In apertura suo figlio Jonas. © Claudia Ziegler

Christoph, guida alpina e maestro di sci, è più di un semplice alpinista allround. La rosa delle sue grandi prestazioni, assieme alla costanza con cui le porta a termine, spiega la sua posizione di spicco nel mondo dell’alpinismo a livello internazionale. Il suo grande punto di forza è la modestia. Iniziò presto a respirare aria di montagna trascorrendo la sua infanzia in un maso a 1500 metri di altitudine. 

Nel 1994 Hains senior ha stabilito il record di velocità nell’ascensione solitaria del Fitz Roy in Patagonia, e nell’inverno del 1997 in sole otto ore ha scalato in solitaria la Superdirettissima della parete nord della Cima Grande delle tre Cime di Lavaredo. Da allora le sue esperienze estreme non si contano. Christophe è anche un profondo conoscitore delle Dolomiti, un abilissimo scialpinista e una persona simpatica e alla mano. Gli fa onore aver saputo trasmettere queste virtù al figlio. Che subito ne ha fatto tesoro. (Ser)

Commenta la notizia.