Pontedilegno / Giornalisti sul “sentiero invisibile”

E’ iniziata a Pontedilegno (Brescia) con una serata dedicata alla poetessa polacca Wislawa Symborska, Premio Nobel per la letteratura nel 1996, la rassegna “Una montagna di cultura…la cultura in montagna”, promossa dall’Associazione Pontedilegno-MirellaCultura insieme a Pro Loco e Biblioteca Civica, che fino al 17 agosto prevede una serie fitta di appuntamenti, dai concerti, agli incontri al premio nazionale di poesia edita Pontedilegno Poesia.

L’appuntamento in agosto è con i  giornalisti Massimo Gramellini, editorialista del Corriere della Sera, e Beppe Severgnini, vicedirettore ed editorialista del Corriere della Sera, insieme con lo psichiatra Paolo Crepet sono alcuni degli ospiti del festival culturale “Il sentiero invisibile”, la cui prima edizione si tiene a Ponte di Legno dal 18 al 21 del mese. 

Massimo Gramellini e Beppe Severgnini

Sono quattro gli incontri in calendario in altrettante serate nello spazio del Palazzetto dello sport della località montana. Ad aprire la rassegna il 18 del mese è Paolo Crepet con una riflessione sul bisogno di ripensare la genitorialità, la scuola, il rapporto tra le generazioni e il futuro. 

Sabato 20 agosto protagonista della serata è Massimo Gramellini con un incontro, moderato dal giornalista Stefano Malosso, che ha al centro il romanzo “Fai bei sogni. Dieci anni dopo”. Infine, a chiudere la rassegna domenica 21 agosto è Beppe Severgnini con “Come organizzare un viaggio disastroso e poi pentirsene a lungo”, un racconto ironico e allo stesso tempo colto sul senso del viaggiare, sulla necessità del movimento, della scoperta e dello sguardo sul mondo.

Commenta la notizia.