Tragico Laila Peak / Trieste ricorda Comelli 

Venerdì’ 17 giugno, alle ore 21, presso il Teatrino Franco e Franca Basaglia, in via Edoardo Weiss nel Parco di San Giovanni a Trieste, in una serata di beneficenza in ricordo dell’alpinista Leonardo Comelli (Trieste 26.03.1989 – Laila Peak 09.06.2016) promossa dalla Società Alpina delle Giulie – Sezione di Trieste del Club Alpino Italiano e dalla Sottosezione di Muggia, vengono presentati quattro audiovisivi. Ingresso libero.

Sono trascorsi sei anni dalla scomparsa dell’alpinista-fotografo Comelli caduto sul Laila Peak (6096 m – Gilgit-Baltistan/Pakistan) il 9 giugno 2016 durante quella che sarebbe potuta diventare la prima discesa assoluta con gli sci dalla cima, viene proposta in suo ricordo questa serata di immagini e pensieri. 

“L’ultima vita” /Laila Peak 2016 Expedition” presenta infatti quattro video produzioni, di cui due costruite per lo più sugli scatti fotografici di Leonardo Comelli, privilegiato e allo stesso tempo abile fotografo, realizzati durante la sua breve ma intensa attività alpinistica e sci alpinistica. Le immagini sono accompagnate da alcuni pensieri dell’autore. 

Il mediometraggio “L’ultima vita”, che dà il titolo alla serata è il resoconto della spedizione in Pakistan del 2016, una grande avventura che purtroppo avuto un esito così nefasto. Leonardo riposa a Saitcho (3370 m – Camp Site) 8 km dopo Hushe, l’ultimo villaggio sulla strada per il Laila Peak, ricordato nel terzo video in programma.

La famiglia Comelli, grazie alle donazioni sin qui raccolte, ha finanziato importanti progetti presentati dalla Comunità della Valle di Hushey finalizzati a migliorare le condizioni di vita dei suoi abitanti. Da ricordare: una condotta idrica di 1600 m che ha permesso di portare l’acqua potabile al paese, l’acquisto di kit sanitari e materiale didattico per i 200 giovani e giovanissimi alunni della scuola locale che è stata essa stessa oggetto di migliorie quali la pavimentazione e la pannellatura delle pareti delle aule nonché la costruzione delle latrine divise per genere.

Oltre che un emozionante e coinvolgente momento celebrativo e rievocativo la serata rappresenta quindi anche un’ulteriore propizia occasione per continuare la raccolta di fondi da destinare a ulteriori e vitali iniziative a vantaggio delle genti che con tanta simpatia ed affetto avevano accolto Leonardo e gli altri 3 componenti della spedizione.

Il programma della serata

CIAO, LEO di Franco Toso. Una gioiosa carrellata di immagini in bianco/nero che raccontano la montagna vissuta da Leonardo in tutte le sue numerose sfaccettature. Una forte passione condivisa con i suoi compagni di avventure. Il finale a sorpresa sarà ben diverso rispetto quanto visto fino a quel momento.

CENTESIMI DI SECONDO di Franco Toso. Qui la carrellata di immagini è a colori, accompagnata da pensieri, scritti o riportati da Leonardo nei suoi appunti diaristici. Quando la montagna non è soltanto un mero momento di frequentazione ludica e sportiva, ma diventa qualcosa di più alto, formativo e anche spirituale, attraverso gli spunti offerti dai molti meravigliosi quanto effimeri momenti che può offrire, momenti della durata di centesimi di secondo quelli sufficienti a fissare l’immagine con uno scatto fotografico…

LA COMUNITÀ DI HUSHEY. Un breve video introduttivo e/o promozionale che testimonia i lavori fin qui realizzati e spiega le finalità della serata volta alla raccolta di fondi per progetti futuri da intraprendere presso la Comunità della Valle di Hushey (Pakistan).

L’ULTIMA VITA di Franco Toso di fatto è il reportage ufficiale della spedizione al Laila Peak 2016. Attraverso le immagini dei 4 partecipanti e al sapiente montaggio dell’autore si seguono passo passo l’evoluzione e il tragico epilogo della “Laila Peak 2016 Expedition”. Nel lavorare in maniera certosina alla realizzazione di questo video Franco Toso ha riflettuto sul fatto che ognuno di noi, nel corso della propria esistenza, si trova ad affrontare molte vite finché non arriva quella che sarà… l’ultima vita.

I tre video, ricavati attingendo dal ricchissimo archivio fotografico di Leonardo Comelli, come anche il promozionale sono stati montati dal noto fotografo di viaggio e alpinismo Franco Toso, già punto di riferimento dell’attività audiovisiva della Merlino Multivisione. 

Commenta la notizia.