Il lato debole delle penne nere

Suscitano una certa amarezza le denunce di molestie raccolte a Rimini in occasione dell’adunata nazionale degli alpini a tutti noi cari, compreso chi a malincuore scrive queste note. “Molestie mascherate da goliardia”, sono definite in questi giorni in un comunicato di un’associazione femminista. A questo scenario che viene delineandosi in margine all’Adunata non può dirsi estraneo l’effetto creato per l’occasione da 400mila arrivi turistici. Mentre bar, ristoranti e alberghi sono stati costretti agli straordinari per un indotto economico stimato in ben 150 milioni di euro. In una folla oceanica tutto è possibile e qualcosa, a voler essere generosi, può sfuggire al controllo.

E’opinione comune che in questo scenario il peggio potrebbero averlo dato numerosi, inevitabili infiltrati. Ma ciò non esclude che abbia avuto gioco facile una certa predilezione nazionale per le bevande alcoliche a cui non possono sentirsi estranee le penne nere nei loro spesso chiassosi raduni. Del resto, da tempo si è diffusa l’idea che l’abuso di vino, sia pure “de quel bon”, non giovi alla loro immagine. Tant’è vero che in occasione dell’adunata a Bergamo del 2017, le penne nere misero al bando, quasi vergognandosene, i trabiccoli che issavano damigiane di vino da svuotare nelle loro pance ritenendo tale immagine “di discutibile eleganza”. 

In quell’occasione qualche penna nera sentendosi in colpa indossò (come si vede dalla foto già pubblicata all’epoca in MountCity) una maglietta con la scritta “Basta Bear Bauco”. Dove bear in dialetto veneto sta per bere e bauco per bacucco, babbeo.  Era l’inizio di una crociata organizzata dai benemeriti alpini contro questo cocktail perdente che, una bottiglia dopo l’altra, avvelena persone di ogni età e ceto sociale. Come sarà poi finita? Impossibile non pensare, con tutto il rispetto e l’affetto per le penne nere, che nell’immaginario collettivo gli alpini continuino ancora a essere associati, a torto o a ragione, al fiasco de vin. Con le conseguenze di cui si legge sui giornali. Goliardia e inveterate abitudini sono compagnie difficili da addomesticare se non addirittura da stroncare.  (Ser)

Commenta la notizia.