I sentieri violati dell’Arcipelago Toscano

Niente è più triste e spiacevole per un turista che trovarsi a tu per tu con una banda di motociclisti che avanzano sgasando sul sentiero nel silenzio di un’isola. Una situazione purtroppo oggi ricorrente anche altrove sui sentieri della nostra bella Penisola, in un clima di rassegnata impunità. Mai sentito il Cai alzare la voce per chiedere una efficace sorveglianza, per ora inesistente? Eppure il Sentiero Italia del Cai non può che essere un invito a percorrere la Penisola in modo rispettoso, tenendo alla larga inopportuni gas di scarico.

Ma anche all’impunità c’è un limite. Un’eccezione per fortuna viene segnalata dal quotidiano Il Telegrafo. Grazie al pronto intervento dei militari della Stazione Carabinieri Parco di Portoferraio sono stati individuati e sanzionati i motociclisti che giovedì 14 ottobre scorrazzavano sui sentieri all’interno del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano. 

Che non sapessero i centauri di violare alcune delle zone a massima protezione? Lo sapevano, altroché. Tant’è vero che le targhe delle moto risultavano in modo meschino occultate o rimosse. Forse se lo aspettavano che i Carabinieri Forestali li avrebbero prima o poi beccati con la preziosa collaborazione di una Guida del parco, di alcuni privati cittadini e della Polizia Municipale di Rio. Così, coordinati dal comandante Stefano Cipriani, i militi sono riusciti in breve a intercettare i centauri. Bel colpo.

Sono state 11 le violazioni amministrative contestate a quanto si legge nel sito del quotidiano Il Telegrafo. In un caso si è trattato di tre motociclisti residenti in Lombardia ai quali sono state comminate sanzioni per 1.032 euro complessivi. 

In un secondo caso i motociclisti sono stati scovati mentre alloggiavano in un camping dell’Isola d’Elba. Erano cinque motociclisti residenti nella provincia di Bolzano che hanno percorso, nella giornata del 14 ottobre il sentiero n.110 del GTE in località La Tavola nel Comune di Marciana, ricadente nella zona B del parco Arcipelago. Risultato: le sanzioni sono state di 1.720 euro complessivi.

“Ringrazio pubblicamente il Comandante Cipriani e i suoi uomini”, è stato il commento del Presidente del Parco Nazionale Arcipelago Toscano Giampiero Sammuri, “per aver completato a tempo di record gli accertamenti e aver sanzionato chi, senza rispetto delle regole e della bellezza del nostro territorio, ha offeso i sentieri del Parco provocando danni agli habitat protetti e al patrimonio storico rappresentato dalle antiche percorrenze del Monte Capanne”.  (Ser)

Commenta la notizia.