Valli di Lanzo / Vecchie e nuove glorie

Settantacinque anni di lavoro: ricerche, eventi, mostre e pubblicazioni. È la storia della Società Storica delle Valli di Lanzo, un contributo unico per la valorizzazione del territorio. Per festeggiare la ricorrenza è nato il progetto “Orizzonti diversi: Valli di Lanzo in movimento”, suddiviso in due occasioni di incontro e approfondimento per esaminare, da angolazioni diverse, i movimenti migratori, il turismo e l’industrializzazione, coniugando sguardo locale e apertura nazionale e internazionale. La prima parte del progetto si è svolta ad Ala di Stura nello scorso settembre focalizzandosi sulle storie dei migranti.

Il secondo convegno, “Villeggiatura e imprenditoria tra Otto e Novecento”,è in programma sabato 23 ottobre presso l’Auditorium Vivaldi (piazza Carlo Alberto 3, Torino) per concessione della Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino, analizzando le vicende che hanno caratterizzato il paesaggio alpino, con specifico riferimento all’esperienza delle Valli di Lanzo.

È la montagna che si vota all’industria, innescando una metamorfosi che avrà importanti conseguenze sulla struttura economica e sociale, cambiandone le specifiche connotazioni, fino a modificare il rapporto con l’ambiente e il paesaggio, adattato alle nuove esigenze produttive e di trasporto.

È il tempo delle grandi trasformazioni infrastrutturali (strade, ferrovia e alberghi), che si accompagnano allo sviluppo della villeggiatura, una valle in movimento che deve confrontarsi con nuove esigenze. Fioriscono le ville padronali, si costruiscono alberghi e infine vengono realizzati i primi impianti per lo sci.

Le riflessioni sul periodo non si limitano alle consuete linee di indagine storiografica, ma toccano anche gli aspetti legati alle attività avviate per la promozione delle Valli, funzionali allo sviluppo del turismo, indagando sugli strumenti utilizzati: prima attraverso le opere dei pittori, seguiti dai manifesti e dalle pubblicità.

Gli interventi

Il convegno “Villeggiatura e imprenditoria tra Otto e Novecento” è aperto dal saluto del

Presidente della Società, Michele Vietti e prevede i seguenti interventi:

Werner Bätzing. Scenari diversi. Dal mondo rurale alla città diffusa, al turismo di massa o al wilderness?

• Bruno Guglielmotto-Ravet. Era d’estate. Album di villeggiatura nelle Valli di Lanzo

Alessandro Pastore. Alpinismo, i luoghi e gli uomini

Pier Luigi Bassignana. Industrializzazione verso le Valli

Maria Vittoria Cattaneo e Elena Gianasso. Ville e villeggiature. Narrazioni intorno a nuove ricerche

Laura Gallo. Le Valli dipinte nella pittura dell’Ottocento e primo Novecento

Aldo Audisio. Le pubblicità del turismo. Dalla ferrovia agli hôtel, agli impianti di risalita

Onorificenza a Guglielmotto-Ravet

Al termine del convegno è in programma la cerimonia di conferimento del Sigillo d’Oro a Bruno Maria Guglielmotto-Ravet, massima onorificenza della Società, impegno che viene illustrato da Rosanna Roccia. Questa la motivazione ufficiale: “Presidente della Società Storica delle Valli di Lanzo dal 1994 al 2017, oggi Presidente Onorario, ha realizzato importanti progetti di ricerca, aprendo ad argomenti inediti oltre il tradizionale ambito storiografico, e fissando nuovi orizzonti. Pubblicitario per professione, con mansioni di art director supervisor e dirigente d’azienda, bibliofilo e collezionista di memorie di carta per passione, guidato dall’affetto per le valli natie, ha portato all’arricchimento della Collana editoriale della Società, animando e curando la pubblicazione di oltre cento volumi. I molti libri di cui è autore rispecchiano i suoi vasti interessi”.

La partecipazione al Convegno è consentita nel rispetto delle norme connesse all’emergenza sanitaria in corso (Green pass o esito tampone negativo, mascherina e distanziamento). Al fine di agevolare le operazioni di accredito si consiglia di presentarsi all’ingresso con congruo anticipo.

La copertina di Attilio Massimo della guida orario della ferrovia (1905). Nell’immagine di apertura l’industriale Emilio Remmert (secondo da destra) nel 1921 a Balme presso l’hotel Camussot.

SOCIETÀ STORICA

DELLE VALLI DI LANZO

presso Biblioteca Civica,
via San Giovanni Bosco 1,
10074 Lanzo Torinese (TO)
Tel. 349.140.87.60 / info@societastorica-dellevallidilanzo.it

www.societastorica-dellevallidilanzo.it

Commenta la notizia.