“Musica in quota” / Squilli di tromba tra bebop e foliage

Il Festival “Musica in Quota” propone un eccezionale appuntamento autunnale: il 10 ottobre a 1.700 metri, concerto live di Fabrizio Bosso con Alberto Gurrisi all’organo Hammond. Nell’incantevole scenario della valle del foliage, alla Piana di Vigezzo, la rassegna chiude i suoi primi 15 anni di vita. L’esibizione è in programma alle 11.30. Il concerto è gratuito (obbligatoria la prenotazione attraverso il portale www.musicainquota.it/registrazioni) e la sede del live “Dal bepop alla canzone” sarà raggiungibile a piedi, lungo un percorso che permetterà di ammirare le sfumature dei primi colori autunnali, oppure si potrà comodamente salire a bordo della cabinovia con partenza da Prestinone di Craveggia con un’offerta speciale. 

Bosso e Gurrisi condividono da anni il palco in diverse formazioni e l’appuntamento autunnale sarà l’occasione per presentare al pubblico la loro speciale sintonia, il loro piacere di suonare insieme. Si racconteranno attraverso i brani che più amano, senza distinzione di generi, passando dalla tradizione jazzistica fino alla canzone italiana dei grandi autori. 

In caso di maltempo il concerto si terrà presso il Teatro Comunale di Santa Maria Maggiore. L’accesso al teatro sarà garantito alle prime 240 persone prenotate attraverso la piattaforma ufficiale e solo se munite di Green Pass. Per questo è consigliabile registrarsi all’evento con largo anticipo. 

Itinerario e note 

Superato in auto l’abitato di Toceno, in direzione Arvogno si trova il parcheggio a sinistra presso l’area verde degli Alpini. Sulla destra sono chiare le indicazioni che conducono alla mulattiera che, dopo pochi passi, si inoltra a sinistra, nel bosco profumato di pino silvestre. Prima la strada lastricata, poi il sentiero nel bosco di faggio e tra i pascoli degli alpeggi della “Colma” portano in sicurezza sino a incrociare la strada sterrata che girando a destra ci accompagna velocemente all’arrivo della funivia. Il percorso non presenta particolari difficoltà, ma il dislivello in salita di circa 800 m. richiede un minimo allenamento fisico. 

Dati tecnici
Punto di partenza: Località Promez, Toceno, Valle Vigezzo
Orario di partenza consigliato: ore 9
Itinerario: Località Promez-Colma-Piana di Vigezzo
Dislivello: 800 m
Tempo di percorrenza: 2 ore
Per info e consigli sul percorso: Arianna Bertoni – Guide AccompagNatur – tel. 347 9103100 

Pranzo al sacco. In alternativa servizio griglia presso il Ristoro La Tana. Per maggiori informazioni e prenotazioni www.pianadivigezzo.it – 345 8587040.  

Chi non volesse raggiungere a piedi la sede del concerto potrà approfittare del pacchetto speciale proposto dagli impianti della Piana di Vigezzo: risalita con la cabinovia a/r + pranzo in quota (menù griglia + vino/birra/acqua) al prezzo promozionale di € 20 a persona, oppure acquistare il solo biglietto a/r (€ 16 adulti – € 13 ragazzi). 

I biglietti classici e quelli combinati risalita+pranzo sono acquistabili direttamente alla biglietteria della stazione di partenza della cabinovia, in località Prestinone di Craveggia, oppure comodamente online attraverso il sito www.pianadivigezzo.it. 

Nel pomeriggio la Piana di Vigezzo offrirà a tutti i partecipanti una castagnata in quota. 

Chi decide di raggiungere la Piana di Vigezzo in cabinovia, ma non vuole rinunciare a una piacevole escursione autunnale, potrà compiere due percorsi in quota ad anello, facili e panoramici. Il primo conduce alla Colma di Craveggia: con le spalle rivolte alla funivia si seguono le indicazioni della sentieristica a destra; arrivati alla colma di Craveggia si incrocia una strada sterrata che permette un giro ad anello con un dislivello di circa 200 m., con un tempo di percorrenza di circa un’ora e trenta minuti. 

Il secondo percorso è ancora più semplice e più breve e conduce alla Colma di Toceno: con le spalle rivolte verso l’arrivo della cabinovia, si prende la strada sterrata che conduce alla Colma fino a incrociare le piste da sci invernali, per poi risalire le stesse e ritornare al punto di partenza, con un dislivello di circa 100 m. e un tempo di percorrenza di circa un’ora. 

Informazioni e dettagli dell’evento sui canali ufficiali di Musica in quota:
www.musicainquota.it – www.facebook.com/musicainquota – www.instagram.com/musicainquota

Gli artisti 

Fabrizio Bosso ha soli cinque anni quando comincia a suonare la tromba e a 15 si diploma al Conservatorio di Torino. Dotato di una tecnica strumentale ineccepibile e di un lirismo capace di far risuonare le corde più profonde nell’anima di qualsiasi ascoltatore, ha sviluppato la sua crescita artistica e la sua carriera confrontandosi con tutti i generi musicali, pur rimanendo sempre fedele alla propria radice jazzistica. Fabrizio ha collaborato negli anni con alcune icone della musica, così come con alcuni giovani talenti.  Rigoroso e instancabile, si esibisce nei palchi di tutto il mondo, portando con sé una grande ricchezza melodica e la cantabilità tutta italiana, che unita alla profonda conoscenza della tradizione afroamericana e alla costante attenzione a tutto ciò che di nuovo si muove sulla scena musicale internazionale, rende il suono della sua tromba unico e immediatamente riconoscibile. 

Alberto Gurrisi. In apertura Fabrizio Bosso.

Organista e pianista milanese, ma ormai torinese d’adozione, classe 1984, Alberto Gurrisi è diplomato ai Civici Corsi di Jazz di Milano. Da anni si dedica all’organo Hammond ed è stato membro stabile del quartetto di Franco Cerri, che lo ha fatto conoscere nel contesto nazionale del jazz nei primi anni 2000. Successivamente è stato leader di diverse formazioni e ha suonato e inciso con i più grandi jazzisti italiani, tra cui Fabrizio Bosso, Rosario Giuliani, Max Ionata, Flavio Boltro, Giovanni Amato, Emanuele Cisi, Bebo Ferra, solo per citarne alcuni, e ha una grande esperienza di sideman anche con musicisti americani e inglesi, anche di area R’n’B. 

Commenta la notizia.