Dolomiti in festa / Rinasce il rifugio Boè

A quota 2.873 metri, sulle pendici del Piz Boè, in un incantevole scenario dolomitico fra Sella e Pordoi, è stato riaperto dopo tre anni di lavori il rifugio Boè della Società Alpinisti Tridentini. Alla parte storica ristrutturata (ma esternamente rimasta simile a prima) si affiancano ora un locale nuovo e impianti tecnologici d’avanguardia. Gestito da oltre trent’anni dalla famiglia Vaia, rappresenta la principale novità in quota dell’estate fassana. “È stata una corsa contro il tempo”, spiega Luca Mazzel della società di costruzioni che ha realizzato l’opera, “dato che si tratta di un cantiere estremo, in cui meteo, logistica e trasporto materiali sono le variabili con cui bisogna misurarsi”.

Il rifugio com’era dopo essere passato alla Sat. In apertura come si presenta oggi.

“Si tratta dell’intervento più significativo della Sat”, sottolinea Livio Noldin, responsabile tecnico della società alpinistica. Giustificata la soddisfazione anche di Lodovico Vaia, guida alpina e gestore del rifugio assieme a moglie e figlie. Il rifugio si trova al centro del gruppo del Sella in un ampio e arido pianoro dall’aspetto lunare, in un angolo delle Dolomiti crocevia dei confini fra le tre province di Trento, Bolzano e Belluno. Lo si può raggiungere facilmente con la funivia del Sass Pordoi che sale dall’omonimo passo.

Come tutti i primi rifugi sorti nelle Dolomiti, fu costruito da una sezione del DuÖAV (Deutscher und Österreichischer Alpenverein) nel lontano 1898. Fu la sezione di Bamberga ad erigerlo, in muratura e con un’ampia veranda: era noto come Capanna di Bamberga al Boè. Devastato nel corso della Prima Guerra mondiale, nel 1921 passò alla Sat insieme con altri 13 rifugi, sempre del Doav: la SAT nel 1924 lo rese nuovamente agibile col nome di Rifugio Boè. Negli anni successivi fu ampliato in più occasioni con l’aggiunta di vari corpi, ora in muratura, ora in legno.

Il Piz Boè che sovrasta il rifugio in un grandioso scenario dall’aspetto lunare.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *