Letture. La magica cavalcata da Lecco alla Val di Mello


“Il Sentiero del Viandante. Da Lecco alla Val di Mello lungo il lago di Como” di Albano Marcarini (Ediciclo editore) è la nuova guida aggiornata e ampliata “del più bel sentiero lungo il più bel lago del mondo”. Un cammino vissuto e narrato, passo dopo passo, su un’esile sponda di lago al cospetto dei più bei panorami che si possano concepire, fra borghi aggrappati alla cornice del lago con un occhio alla storia e ai piccoli segni di una colonizzazione umana che si perde nel tempo: case in pietre, cappelle, chiese, borghi, torri e castelli, belvedere. 

La nuova guida aggiornata e ampliata “del più bel sentiero lungo il più bel lago del mondo”.

“Dove il lago si chiude si apre il Pian di Spagna”, racconta Marcarini, “così chiamato dalle truppe spagnole che vi ebbero stanza nei secoli XVII e XVIII. In epoca romana, il Lario si spingeva nella Valchiavenna (fors’anche nella Valtellina) e il lago di Mezzola – che si scopre sotto il Pizzo di Prata – ne è il residuo, separato dal bacino maggiore per l’espansione del delta dell’Adda.

Il Pian di Spagna ebbe importanza nelle vicende storiche della Lombardia. In antico, vi sorgeva il borgo di Olonio. Fino al 1797 vi passava il confine tra il Ducato di Milano e i Grigioni. Vi transitavano i traffici diretti allo Spluga e al Settimo. In una zona strategica non facevano difetto i fortilizi, fra cui il forte di Fuentes, costruito sl più orientale dei montecchi dall’omonimo governatore spagnolo tra il 1603 e il 1605, non impiegato in guerre ma deterrente nel gioco politico fra Grigioni, Francia e Repubblica Veneta da una parte, Spagna e Austria dall’altra”. 

In questa nuova edizione, il Sentiero del Viandante arriva in Bassa Valtellina, tocca Morbegno, e finisce nella celebre Val di Mello, di fronte ai colossi delle Alpi Retiche. Dunque un cammino che parte dalla dolcezza del lago e finisce per inchinarsi ai giganti del granito. Un cammino felice perché dispensa sorprese a ogni curva, sopra ogni scalinata, lungo tutti i suoi sentieri. La nuova guida comprende anche il nuovo tratto, tanto atteso, di collegamento fra Lecco e Abbadia Lariana. E’ disponibile nelle librerie, sul web e su guidedautore.it dal 15 aprile 2021.

Il ponte di Ganda sull’Adda a Morbegno e, in apertura, un aspetto della sponda del Lario attraversata dal Sentiero del Viandante in due acquerelli di Albano Marcarini.

Va aggiunto che con il prolungamento del Sentiero del Viandante a Morbegno è anche possibile realizzare un entusiasmante trek lario-orobico. Dopo aver percorso il Viandante è infatti possibile risalire da Morbegno la Valle del Bitto di Albaredo, lungo la strada realizzata dal Podestà di Bergamo Alvise Priuli nel 1593, fino a scavalcare le Orobie al Passo San Marco e quindi discendere tutta la Val Brembana ed entrare, con somma soddisfazione, a Bergamo passando per i suoi Colli e Città Alta. Su www.guidedautore.it è disponibile la guida di Marcarini “La Strada Priula e la Via Mercatorum”, Lyasis, Sondrio. Buon viaggio!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *