Un alieno si aggira nei boschi. Simpatico ma…

Un nuovo avvistamento, a sud di Bolzano, è stato compiuto del “cane procione”. E’ una specie, questa, che in Italia non si vedeva da tempo. Era ricomparso in agosto nel Friuli Venezia Giulia. Conosciuto scientificamente come Nyctereutes procyonoides, il cane procione ha un muso simpatico, simile a quello di una volpe per la forma e a quello del procione americano per via della sua mascherina facciale nera. Il suo aspetto tenero, però, non deve trarre in inganno. È, infatti, un mammifero alieno generalmente considerato invasivo e dannoso per la biodiversità locale. Il diffondersi della sua presenza potrebbe creare problemi come quelli dovuti alla mutria lungo le sponde dei nostri canali e dei pesci siluro nei fiumi del Nord. Il cane procione, insomma, non ci appartiene.

Del recente avvistamento, compiuto dal fotografo naturalista Stefano Pecorella con una videotrappola, ha dato notizia il 25 gennaio il quotidiano L’Adige. L’ animale è originario dell’Asia orientale. Negli ultimi decenni, in seguito a reiterate introduzioni avvenute per fini venatori legati al commercio di pelli, in alcuni territori europei dell’ex Unione Sovietica, il cane procione ha costituito un nuovo grande areale in Europa e in alcuni territori dell’Asia centrale.

L’annuncio dell’ultimo avvistamento sul quotidiano L’Adige.

L’immissione ha avuto origine in Ucraina dal 1928 alla seconda metà degli anni Cinquanta del secolo scorso. Poi questo canide si è rapidamente diffuso anche in altri Stati europei ed è stato segnalato in Finlandia, in Svezia (1945), in Estonia, in Lituania, in Lettonia, in Romania (1951), in Polonia (1955), in Germania orientale (1961), in Austria (1963), in Ungheria e in Bulgaria (1968), in Francia, in Serbia e Montenegro (1978), in Slovenia (1980), in Bosnia (1981), in Croazia (1982), in Norvegia (1983), in Danimarca (1995), in Svizzera (1997), in Macedonia (2002), in Olanda, in Spagna (2008).

La maggior parte delle persone, tra cui alcuni cacciatori, scambia il cane procione per una volpe. In realtà differisce dalla volpe per la mascherina facciale scura, il petto nero, il pelo grigio-scuro e la coda breve e folta. A quanto risulta, anche il procione o orsetto lavatore (Procyon lotor), un mammifero dall’ aspetto tenero e docile, è oggetto di avvistamenti sempre più frequenti. (Ser)

One thought on “Un alieno si aggira nei boschi. Simpatico ma…

  • 25/01/2021 at 12:37
    Permalink

    Visto che la sua diffusione è già avvenuta da anni in altri paesi d’Europa, in base ai dati disponibili spero che chi di competenza sia in grado di valutare e decidere il da farsi: lasciarlo diffondere oppure cercare di contrastarlo con provvedimenti specifici.
    Chi ha quel compito deve prendersi le sue responsabilità; ignorare il problema non è mai la soluzione…

    Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *