“Punto di (non) ritorno”. Il teatro di Bicocchi e Fabris

La compagnia “Teatro in quota” con Jacopo Bicocchi e Mattia Fabris presenta venerdì 29 aprile 2016 a cura del Gruppo Edlweiss al cine-teatro Arca, Corso XXII Marzo 23, la prima milanese del nuovo spettacolo “Punto di (non) ritorno”. Nel 1992 Jim Davidson e Mike Price, due amici americani, decidono di scalare la loro montagna:
 il monte Rainier nello stato di Washington. È il sogno di una vita, una montagna ambita, un passaggio obbligatorio per chi, nato in America, vuole definirsi alpinista. “The Mountain” come la chiamano a Seattle. Ma le cose non sono mai come ce le aspettiamo e quella scalata non sarà solo la conquista di una vetta. Sarà un punto di non ritorno, un cammino impensato dentro alle profondità di un amicizia, un percorso che durerà ben di più dei quattro giorni impiegati per raggiungere la cima. “Il punto di (non) ritorno”, spiegano gli autori, “è una storia vera anche se poco conosciuta, potrebbe essere la storia di ognuno di noi. E forse lo è. Proprio per la sua spietata semplicità. Una storia che racconta le difficoltà e i passaggi obbligatori che la vita ci mette davanti. Non possiamo voltarci dall’altra parte e non possiamo girarci intorno ma solo attraversarli. Due amici, due vite, due destini indissolubili”.

Bicocchi e Fabris sono anche autori-attori dello spettacolo “(S)legati per sempre” il cui successo è testimoniato da oltre 200 repliche in teatri e rifugi, ispirato a uno degli episodi più straordinari e conosciuti dell’alpinismo raccontato nel libro e nel film “La morte sospesa”: il dramma di Joe Simpson e Simon Yates e della loro ascensione al Siula Grande in Perù. L’ingresso al nuovo spettacolo è gratuito al teatro Arca per i soci Edelweiss in regola con le quote che prenotano entro lunedì 18 aprile e fino all’esaurimento dei posti disponibili.
 Dal 19 aprile gli eventuali posti rimanenti saranno in vendita a 8 euro ridotto a 5 euro per gli iscritti. Prenotazione tramite mail: info@edelweisscai.it

Commenta la notizia.