Studiare la montagna in montagna. Il ruolo di Unimont

Nell’ambito di Milano Montagna che si è tenuto presso l’Università degli Studi di Milano (8/9/10 ottobre 2015) ho avuto il piacere di incontrare e scambiare idee con alcuni studenti iscritti all’Università della montagna (Unimont). Il corso di laurea triennale è stato istituito, nell’ambito delle Scienze agrarie e Alimentari, come polo dell’Università degli studi di Milano a Edolo per volontà del territorio bresciano (Comune di Edolo, Comunità Montana e BIM di Valle Camonica, Provincia e Camera di Commercio di Brescia, Università degli studi di Milano) con l’obiettivo di contrastare l’abbandono dei territori montani e promuoverne lo sviluppo e la valorizzazione investendo su giovani e formazione.

L’Università della montagna, attiva a Edolo da quindici anni, costituisce oggi l’unico centro d’eccellenza in Italia completamente dedicato a un’attività formativa universitaria volta a creare professionisti che operino in montagna specializzati nella difesa, gestione e valorizzazione dei territori montani.

unimont
Sopra il titolo una veduta di Edolo, in Valle Camonica (archivio Vie Storiche, per gentile concessione)

La sede di Edolo consente di studiare la montagna vivendoci e sperimentando direttamente risorse e opportunità. La didattica specialistica si svolge, infatti, nella realtà montana in connessione e dialogo con il contesto locale, nazionale e internazionale.

Dal 2006 è stato attivato GeSDiMont (Centro di studi applicati per la Gestione sostenibile e la Difesa della Montagna) per promuovere la sperimentazione, l’informazione e la divulgazione finalizzate allo sviluppo delle aree montane attraverso la ricerca su tematiche strategiche. Attraverso il portale è possibile consultare lo stato di avanzamento dei progetti, l’offerta didattica e le attività in atto a livello locale, nazionale ed europeo.

Particolarmente interessante anche il progetto “Antenne” attivato da Unimont nel 2012 grazie a Uni.Ars.VCO nella Provincia di Verbano-Cusio-Ossola.

Le “Antenne” sono punti d’incontro periferici (aule) in cui seguire lezioni e ricevere (e trasmettere) in streaming contenuti scientifici e divulgativi riguardanti la montagna, mettendoli a disposizione di tutti gli interessati nei diversi territori creando così una enorme aula virtuale. L’idea è quella favorire il dialogo tra tutti i soggetti, pubblici e privati, e le comunità che vivono e operano sulle Alpi, sugli Appennini e nelle aree montane d’Europa così da innescare processi di crescita e valorizzazione virtuosi.

Oggi sono operative una decina di Antenne e molte altre stanno entrando a far parte della rete per usufruire dei contenuti offerti da Unimont e comunicare i propri. Il progetto mira a superare le distanze fisiche tra i luoghi, scambiare e condividere buone pratiche, creare pari opportunità per le aree di montagna e di pianura.

                                                                                             Rosalba Franchi

www.viestoriche.net

www.unimont.unimi.it

www.valmont.unimi.it 

One thought on “Studiare la montagna in montagna. Il ruolo di Unimont

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *