Qui Palamonti. Via al progetto per l’Expo 2015 dell’Unione bergamasca CAI e della Provincia

Oltre le Orobie, manifestoPortare le Orobie al centro di Expo: è l’obiettivo di un progetto che Unione Bergamasca CAI e Provincia di Bergamo intendono attivare nelle prossime settimane, lanciando una vera “cordata” sul territorio in cerca di collaborazioni e finanziamenti. Pubblichiamo, per gentile concessione, quanto riferisce sul progetto l’Eco di Bergamo.

“La montagna è un tratto dell’identità di questo territorio, e va messa in evidenza”, spiega il presidente della Provincia Matteo Rossi, che ha voluto illustrare il progetto, nel loro primo incontro ufficiale dopo le elezioni di settembre, al ministro Maurizio Martina. Tre le strade su cui si vuole operare, ha riassunto Rossi: “La sistemazione dei sentieri, su cui il l’Unione Bergamasca CAI ha evidenziato alcuni interventi che ritiene prioritari e urgenti; la comunicazione, chiedendo tra l’altro ad Anas e a società Autostrade la possibilità di segnalare le Orobie come possibile meta dalle uscite lungo le grandi arterie stradali; e il lavoro con i centri di formazione professionale, per i giovani interessati all’agricoltura di montagna o al settore lattiero-caseario”.

Una proposta “molto interessante” per il ministro Martina: “Ci sono dei percorsi a cui ci si potrebbe provare ad agganciare, per esempio i Programmi di sviluppo rurale (PSR) regionali, o anche il progetto sulle aree interne che stiamo portando avanti a livello nazionale”.

Ministro Martina
Il ministro Martina (a destra) con il presidente Rossi (foto Bedolis)

In generale, il ministro Martina crede che “il territorio bergamasco si vedrà protagonista di Expo. Sono contento che Astino sia stato inserito negli itinerari, e l’aeroporto di Orio sarà tra i sette in Italia con un’area dedicata alla promozione della manifestazione. A fine gennaio, poi, il ministero dei Beni culturali lancerà il cartellone nazionale di eventi legati a Expo, e penso proprio che realtà come l’Accademia Carrara o la programmazione del teatro Donizetti possano farne parte. Ci sono tante cose su cui stiamo lavorando, pur senza pretendere che quest’occasione diventi la panacea di tutti i mali”.

Inevitabile anche un passaggio sulla fase delicata che le Province stanno attraversando.

Martina evidenzia che “si sta lavorando a completare il processo di riforma, e spero che si chiariscano i punti ancora aperti, soprattutto per garantire la tenuta dei servizi. Sappiamo che una fase di cambiamento così forte può portare anche a dei passaggi “stretti”. Credo però che l’importante sia mantenere la sensibilità giusta, e qui lo si sta facendo”.

Interessante, per esempio, “il ragionamento sulle aree omogenee: credo che Bergamo potrà essere anche considerata una Provincia pilota, per come sta facendo evolvere la discussione sul governo dell’area vasta”.

Fausta Moranti, L’Eco di Bergamo sabato 6 dicembre 2014

LogoPalamontiIn piazza con l’Alpinismo giovanile

L’Alpinismo Giovanile del CAI di Bergamo, domenica 7 dicembre è “sbarcato” nella piazza principale di Pedrengo, nell’ambito della manifestazione comunale “Mercatini in Piazza”. Uno stand con la presenza degli Accompagnatori di Alpinismo Giovanile, per spiegare e far conoscere il Club Alpino Italiano e le attività di Alpinismo Giovanile rivolte a giovani con età tra gli 8 ed i 17 anni. Una giornata a contatto con la popolazione di Pedrengo ed in particolare con i giovani, per parlare di montagna e di un Club che ha lasciato e lascia tutt’ora una impronta fondamentale nella conoscenza e frequentazione dell’alpe. In questa occasione sono state scattato alcune foto, che è possibile vedere nella home page del sito web del CAI di Bergamo, in “ULTIMI ALBUM” all’indirizzo: www.caibergamo.it L’Alpinismo Giovanile del CAI di Bergamo, in questo momento, ha in programmazione l’effettuazione dell’attività invernale 2014/15 (quattro uscite), aperte anche ai genitori, che puoi visionare all’indirizzo: www.caibergamo.it/alpingio o scrivendo email a: alpingio.caibg@gmail.com o telefonando alla Segreteria del CAI Bergamo: 035.41.75.475 Tra le curiosità dell’attività invernale: brevi escursioni, pattinaggio, ciaspolata, pizzata … e altro!

Commenta la notizia.